La Clinica del Mal di testa – CdMT è un network di professionisti sanitari dedicato alla valutazione e terapia multidisciplinare delle cefalee.

Mal di testa, cefalea, emicrania la terapia manuale

A differenza degli approcci standard ospedalieri o di altri privati dove si visitano le persone in poco tempo, senza toccarle e senza una visione multidisciplinare e globale della persona, noi siamo specializzati nell’ascolto e nella visita globale e manuale della persona, privilegiando le terapie non – farmacologiche, scientificamente valide.

Questo significa che la persona con cefalea da noi riceve un esame specifico dei muscoli e della mobilità cervicale e cranio-mandibolare, che i fattori alimentari e psicologici vengono indagati, e che si scelgono terapie globali e principalmente non – farmacologiche.

Le 4 verità fondamentali


In caso di Mal di Testa ci sono 4 verità fondamentali da considerare:

1 – Le cefalee primarie più diffuse al mondo sono la Cefalea di Tipo Tensivo (spesso detta Cefalea Tensiva) e l’ Emicrania senz’aura e sono condizioni neurologiche complesse caratterizzate da un sistema nervoso facilmente irritabile e iper-reattivo. Numerosi fattori possono far precipitare un attacco e contribuire al peggioramento o cronicizzazione della condizione. I principali sono: i dis-stress pisco-emotivi, i disturbi del sonno, disturbi metabolici e alimentazione scorretta, decondizionamento fisico, disturbi miofasciali e dolori cervicali o temporo-mandibolari, disturbi della vista, co-morbidità di altre patologie. Questo è possibile perché ci sono specifiche interconnesioni neuro-anatomiche e neuro-fisiologiche tra sistemi e organi diversi e per questo motivo è fondamentale sempre una valutazione multidisciplinare della persona affetta da cefalea.

2 – Più dell’80% delle persone con cefalea di tipo tensivo e emicrania senz’aura lamentano dolori e rigidità cranio-cervicali e più del 50%-70% ha dolori mandibolari. Questi disturbi sono dunque co-morbiditàcomunicioè co-esistono spesso con le principali cefalee primarie (leggi qui) , influenzandosi a vicenda. In base agli squilibri del momento e alle caratteristiche della persona coinvolta, possono agire come fattori provocativi o peggiorativi.  Individuare questi disturbi e trattarli significa ridurre l’irritabilità del sistema nervoso e diminuire la frequenza, la durata, l’intensità o la disabilità degli attacchi di cefalea.  Significa altresì ridurre il rischio di  cronicizzazione e la resistenza ai farmaci!

3 – I disturbi di mobilità o rigidità muscolari del rachide cervicale e della mandibola sono anche causa di cefalee specifiche dette secondarie: la cefalea cervicogenica e la cefalea da disordine tempero-mandibolare, la cefalea miofasciale cervicale.  Oggi queste condizioni restano sottovalutate o totalmente ignorate, sebbene riconosciute a livello medico internazionale e sebbene esistano test obiettivi validi per individuarle subito (test mal di testa);

4 – Le cefalee primarie sono condizioni migliorabili solo attraverso percorsi terapeutici multidisciplinari e facendo attenzione alle diagnosi errate o incomplete (perché non si è tenuto conto di altri fattori come ad esempio i dolori cervicali),  al “fai-da-te”, all’uso eccessivo di farmaci,  alla scarsa partecipazione attiva sia del sanitario che del paziente, ai miti curativi e ai pregiudizi generali alimentati dai professionisti stessi, dal web e social media.

Risolvi subito il tuo Mal di Testa!

O riempi il form sottostante

7 + 14 =

La nostra mission


1 – Migliorare e ampliare la consapevolezza del “fenomeno cefalea” e del suo terribile impatto socio-economico, con informazioni precise,  aggiornate e corrette, indicando cosa è realmente utile e sensato fare oggi per il proprio mal di testa;

2 –  Diffondere come routine anche una prima visita  con il fisioterapista – osteopata specializzato in terapia manuale per cefalee. Ecco perché i professionisti della Clinica del Mal di Testa sono i più ricercati. Perché sanno offrirti una valutazione raffinata della mobilità articolare e delle tensioni miofasciali cranio-cervicali  e/o mandibolari per verificare subito il loro ruolo come causa principale o secondaria. Sebbene ancora spesso ignorato, questo esame manuale è raccomandato dalle Linee Guida Italiane per la cura della Cefalee!

3 –  Promuovere l’indagine globale dei principali fattori condizionanti:  l’alimentazione, i dis-stress psico-emotivi, i disturbi del sonno, disturbi dell’oculomotricità, decondizionamento fisico.

4 – Proporre percorsi terapeutici multidisciplinari, specifici, scientificamente validi ed economicamente sostenibili.

LE NOSTRE SEDI